mercoledì 16 marzo 2016

I dieci film della vita: 5. Blade Runner (Scott)


Questo film ha cambiato la mia vita. Per la prima volta sorsero in me, che all’epoca (1982) ero un adolescente (quasi) spensierato, che guardava i Mondiali tifando Brasile, e non si poneva interrogativi sui massimi sistemi. Folgorato anche visivamente, la questione della vita artificiale, dell’anima, della “mortalità” iniziò a diventare un rovello. Posso dire che lì è iniziata la mia vera passione per la filosofia. Ci scrissi anche un tema di italiano che mi spiace non aver conservato. Sarebbe assai bello oggi vedere cosa pensava, in maniera acerba, il ragazzo che fui. Avrei scoperto dopo la grandezza dello scrittore da cui l’opera era ispirata. 
Più di ogni altro film di fantascienza il mondo piovoso e meticcio di Scott ha plasmato il mio immaginario. 


Nessun commento: